Filo per macchina da cucire

Filo per macchina da cucire: quali sono i migliori e come sceglierlo

La scelta del filo giusto per lavorare ai propri progetti è da sempre un’operazione importante.

L’offerta odierna di articoli in questo settore è enorme.

I fili per macchina da cucire si differenziano in base a molte variabili che è bene conoscere.

Esistono infatti classificazioni per tipo di filo, colore, fibra utilizzata e spessore.

In base a queste, che rimangono caratteristiche principali, si possono trovare molti fili.

La scelta del filo non può prescindere dal progetto che si sta compiendo.

Il confezionamento dell’abito è strettamente connesso con l’uso di un filo giusto.

Il connubio tra filo e abito deve comprendere ogni caratteristica di entrambi.

La qualità del filo utilizzato infatti avrà effetti sull’intero abito.

Utilizzare un filo scadente mette a repentaglio l’intero progetto in quanto la stoffa potrebbe essere danneggiata.

Vantaggi di un filo di qualità

Il materiale di cui è fatto il filo è la prima e grande prerogativa di un progetto sartoriale.

L’offerta odierna punta generalmente sul poliestere.

Grazie a questo materiale è possibile realizzare molti progetti di cucito. Andando più avanti si potrà utilizzare invece materiali più nobili come il cotone.

Utilizzare un filo di qualità è la prima regola per evitare problemi peggiori.

I problemi in questo caso possono essere macchie di colore, sfilacciature e colori sbiaditi nel tempo.

I fili di qualità non cedono sotto sollecitazioni, questo dettaglio è importante per un abito di classe.

In questo settore comprare fili di qualità si traduce in un risparmio di tempo.

Optando per fili scadenti infatti si può incorrere in lunghe e dispendiose operazioni di riparazione.

I fili di qualità resistono nel tempo soprattutto ai lavaggi.

Una volta immersi nell’acqua ad alta temperatura non si restringono o si allungano.

Un abito che duri nel tempo dev’essere realizzato con un filo di qualità.

Quali caratteristiche considerare per acquistare il filo

Per cercare e trovare il filo giusto per il proprio progetto bisogna considerare alcuni fattori.

Le prime variabili riguardano il tipo di cucitura, il tessuto sul quale applicare il filo e la varietà dei colori da utilizzare.

Il tipo di cucitura

La scelta del tipo di filo si basa in maniera preponderante sul tipo di cucitura da eseguire.

Tecnica di cucito e scelta del filo sono quindi strettamente connesse.

Questa regola è valida specialmente per la realizzazione di cuciture particolari.

In alcune cuciture di decoro e applicazioni è necessario utilizzare tipi di filo specifici.

Per queste cuciture, considerate come professionali nel settore, occorre utilizzare fili in poliestere.

Questo filo si adatta perfettamente ad applique e realizzazioni di questo tipo.

Altri tipi di filo presentano una compatibilità più ampia.

Sono molti i marchi che producono tipi di filo adatti a molte operazioni di cucito.

Le caratteristiche del filo, in questo caso, sono adatte sia a confezionamenti di abiti che a semplici riparazioni.

Il tipo di tessuto

Come detto in precedenza, la correlazione tra tessuto e filo è molto importante.

Il filo deve possedere delle qualità specifiche per poter essere applicato ad un tessuto.

Ad esempio alcuni fili possono adattarsi ad abiti in cotone, lana e seta.

Questi fili infatti presenta la resistenza e la delicatezza necessarie per lavorare con stoffe di questo lignaggio.

Il secondo parametro imposto dal tessuto da cucire è il colore.

Per abbinare filo e tessuto occorre incrociare la propria ricerca tra caratteristiche del filo e il colore.

In molti casi, le case produttrici realizzano fili nei colori primari.

Esistono però altri marchi che possono abbracciare una gamma cromatica più specifica e vasta.

Ne è un esempio il Luxbon che nella sua declinazione offre una corrispondenza cromatica più ampia.

L’abbinamento può essere realizzato per corrispondenza, avvicinandosi quindi al colore del tessuto.

Se non vi sono soluzioni soddisfacenti si può utilizzare il contrasto.

Questo trucco è funzionale oltre che di grande impatto.

Tutto questo però non riguarda le operazioni interne dell’abito che verranno realizzate con un filo bianco.

Le cuciture all’interno dell’abito che vengono realizzate con il filo bianco non devono essere visibili.

Numero di bobine e di colori

Per completare il confezionamento di un abito sarà utile assicurarsi un numero sufficiente di bobine dello stesso colore o di colori differenti.

Molti marchi stampano il colore del filo direttamente sul rocchetto.

Questo semplice dettaglio si rivela molto utile in fase di preparazione al confezionamento.

Uno di questi marchi è New Brothread che produce rocchetti di qualità.

Questi rocchetti sono sfruttati al meglio se utilizzati in verticale.

Al contrario, le bobine con infilaggio a croce possono essere utilizzate orizzontalmente.

Molti marchi producono diverse bobine dello stesso colore e questo aiuta ad operare in maniera professionale.

Utilizzare un unico colore per un intero abito è spesso difficile perché molti marchi non producono doppie bobine.

Durabilità

La durabilità del filo nel tempo concerne la sua resistenza ad elementi esterni come lavaggi e abrasioni.

I fattori che permettono ad un filo di durare riguardano primariamente l’elasticità.

Segue la resistenza del filo alle abrasioni.

Questa caratteristica gli permette di non cedere alle sollecitazioni che l’abito può subire in più punti.

Un altro parametro riguarda la resistenza ad essere allungato e ristretto con lavaggi.

Questa caratteristica permette alle cuciture di non snaturarsi dopo lavaggi frequenti.

La durabilità è visibile per un occhio esperto anche nel comportamento del filo tra gli ingranaggi della macchina da cucire.

Materiale

Il materiale è la base che dona al filo le sue caratteristiche.

In base al materiale i fili si dividono in classi resistenti e classi più deboli.

I primi sono molto potenti ma potrebbero provocare strappi violenti.

Il filo da cucito in poliestere Candora è infatti l’ideale per operare riparazioni di ogni genere soprattutto se si opera su Jeans.

Molte varianti annettono al poliestere il cotone e il simil-filo per aumentarne le caratteristiche.

Anche nel cotone si scoprono numerose classi di fili.

Molte fibre infatti permettono di creare cuciture resistenti molto piccole.